»
S
I
D
E
B
A
R
«
Isola di Pasqua
February 25th, 2010 by giulia

Non appena scendiamo dall’aereo e mettiamo piede sull’Isola di Pasqua (ovvero Rapa Nui), respiriamo immediatamente un’atmosfera molto diversa da quella della Polinesia Francese e subito ci innamoriamo di quest’isola remota con delle forti tradizioni. Siamo inoltre felici di non essere più a rischio tifone, che alla fine, dopo la nostra partenza, si è abbattuto sulla polinesia! 8-O

Questo è il periodo migliore di tutto l’anno per visitare l’Isola di Pasqua, infatti avevamo previsto di venirci proprio ora perché durante due settimane si svolge il Tapati Rapa Nui, un festival durante il quale vengono presentate varie attività tradizionali tra cui figurano molti sport, danze e canti tipici dell’isola. Niente di turistico però, il festival è in pratica una gara tra due ragazze, e le loro rispettive famiglie, a cui partecipa tutta l’isola per cercare di guadagnarsi il grande onore della vittoria. E subito anche noi veniamo contagiati dalla febbre della competizione… vincerà Abigail oppure Valeria?

2010_02_01_22_17_24 2010_02_02_00_28_01

La settimana passa velocissima, chi l’ha detto che sull’Isola di Pasqua dopo il primo giorno non si sa più cosa fare? Noi rimaniamo incantati dagli incredibili paesaggi e dalla scoperta della cultura Rapa Nui. Una bella passeggiata ci porta fino al vulcano (estinto) di Orongo, dove veniva celebrato il culto dell’hombre-pajaro, cioè l’uomo-uccello. Pensate che anticamente tutti gli uomini più forti nuotavano fino a un isolotto e ci rimanevano per molte settimane cercando di trovare il primo uovo di sterna. Chi tornava vincitore diventata l’uomo-uccello, vale a dire il capo spirituale dell’isola per un anno intero.

2010_02_03_13_02_19 2010_02_03_14_19_33

Prima di dedicarsi al culto dell’hombre-pajaro però gli isolani adoravano i più conosciuti Moai, le enormi statue che troneggiano in tutta l’Isola di Pasqua. Queste statue venivano tutte scolpite in una cava situata vicino a un altro vulcano, e come potessero poi essere trasportate nel luogo di destinazione rimane tutt’ora un grande mistero.

2010_02_07_13_53_38 2010_02_07_13_40_10

Tra i tanti modi di girare l’isola, che misura 25km di lunghezza e 12 di larghezza, non potevamo certo dimenticare il cavallo, silenzioso ed efficiente… se si riesce a fargli capire dove si vuole andare! A cavallo siamo riusciti a raggiungere il punto più alto dell’isola, “ben” 507 metri!

2010_02_07_13_19_54 2010_02_04_12_17_44

A Rapa Nui non c’è solo cultura, ci si può anche rilassare sulla bellissima spiaggia di Anakena (ma i Moai sono sempre presenti!) e si possono incontrare tanti viaggiatori zaino in spalla come noi per condividere cenette e consigli di viaggio.

2010_02_05_14_19_14 2010_02_07_20_09_42
2010_02_05_15_11_15 2010_02_05_12_24_14 

Stampa il post Stampa il post

One Response  
  • Ilaria writes:
    February 27th, 2010 at 11:13

    Che bella ragazzi l’isola di Pasqua!
    Peró vi immagino verso altre mete ora e se non ricordo male la vostra prossima tappa sarebbe stata l’America latina. Ho appena letto del terremoto in cile e volevo assicurarmi che staste bene.
    Un abbraccio,
    Ila


Leave a Reply

»  Substance: WordPress   »  Style: Ahren Ahimsa
© Davide & Giulia 2009