»
S
I
D
E
B
A
R
«
Annapurna
October 19th, 2009 by davide

Il Circuito dell’Annapurna, il secondo trek piu’ famoso del Nepal (dopo quello del Campo Base dell’Everest, ovviamente). 210 km attorno a una catena montuosa da 7000-8000m. E una grande incognita, il Thorung La, un passo altissimo da 5416m. Dopo esserci informati e preparato lo zaino decidiamo di tentare la spedizione. Davide si presta da piccolo porter amatoriale portando ca 13kg di zaino, Giulia opta per un normale zainetto.

Un minivan ci porta a Besi Sahar situato a… 800m! Ebbene si’, il Nepal non e’ sempre cosi’ alto come uno pensa. Anche le temperature sono tropicali, e all’inizio camminiamo in mezzo a banani e risaie. Ogni tanto siamo superati dai bus locali, stipati all’inverosimile.

2009_09_30_14_06 2009_09_30_14_47

Dopo qualche ora la strada finisce e ci si para davanti il Manaslu, all’ottavo posto mondiale con i suoi 8156m. E’ cosi’ alto che sbuca al di sopra delle nuvole.

2009_09_30_16_21

Nei giorni seguenti ci abituiamo alla routine: mangiare, dormire e camminare. Ci svegliamo alle 6 e alle 20 siamo gia’ a letto! Anche lo zainone sembra diventare piu’ leggero.

2009_09_30_15_26 2009_10_01_14_27

Rimaniamo impressionati dai porter nepalesi che portano fino a 30 kg di materiale per ore, come delle piccole formichine.

2009_10_05_07_23 2009_10_10_11_57

Sul piu’ bello pero’ l’imprevedibile ci coglie, nonostante il monsone sia finito inizia a piovere! Ogni giorno ci svegliamo con apprensione scoprendo che il tempo e’ ancora brutto. Passiamo molte ore nelle lodges davanti alla stufa aspettando il bel tempo e schivando le gocce che cadono dal soffitto.

2009_10_06_13_40 2009_10_06_17_22

Dopo ben cinque giorni un cambiamento… nevica!

2009_10_07_17_39-001 2009_10_07_17_39

La depressione e’ rampante, ma finalmente il giorno dopo, arriva il sole. Ci svegliamo e ci troviamo davanti Annapurna II, III e IV. L’aria e’ limpidissima, la visione e’ irreale. Siamo quasi a quota 3500m, altezza limite oltre al quale bisogna abituare il corpo all’altezza. Decidiamo insieme a diversi ospiti della lodge di andare all’Ice Lake, a 4600m, una salitona che serve per l’acclimatazione.

2009_10_08_09_23 2009_10_08_10_50

La salita e’ dura, c’e’ molta neve e fa freddo, molta gente desiste a 4000m. Davide continua con Linda, una turista olandese. Il paesaggio e’ stupendo, sembra di toccare le Annapurna con un dito.

2009_10_08_12_13 2009_10_08_13_13

Arrivati al lago ci aspetta una sorpresa, Albertos, un turista spagnolo ci ha preceduti e ha preparato un party per il suo compleanno. Beviamo birra gelata a 4600m!

2009_10_08_13_33 2009_10_08_13_40

Il giorno seguente continuiamo la nostra ascesa verso il passo del Thorung La. Purtroppo l’altezza, i giorni di freddo e le condizioni igieniche non proprio perfette cominciano a farsi sentire per Giulia. Raggiunta la quota di 4500m decidiamo, non senza tristezza, di rientrare.

2009_10_10_12_43 2009_10_10_13_10

Nonostante la sfortuna che ci ha attanagliato, e’ stata un’esperienza fantastica. Diversi trek in Nepal sono logisticamente molto facili, ogni una o due ore di cammino si trovano dei ristoranti o dei semplici alberghetti dove mangiare e riposare. Persino le tratte piu’ alte sono praticabili senza nessuna conoscenza tecnica di alpinismo. A volte quasi non ci si accorge di essere sopra ai 4000m, se non fosse per la carenza di ossigeno che fa annaspare e provoca una lentezza da lumaca davanti alla minima salita. Il trekking e’ anche una bellissima esperienza sociale, in cui si ha l’occasione di condividere tanti momenti con persone di tutte le nazionalita’.

2009_10_09_07_28

Davide sta gia’ pensando al trekking del Campo Base dell’Everest. Come recita lo slogan ufficiale: Nepal, Once is not Enough”.

Stampa il post Stampa il post

One Response  
  • Pons writes:
    December 3rd, 2009 at 12:53

    “Davide sta giĆ  pensando…”
    Ovviamente io ci sono!!! Allenamento sul Pizzo di Claro e poi si parte, ehehe

    FANTASTICO!


Leave a Reply

»  Substance: WordPress   »  Style: Ahren Ahimsa
© Davide & Giulia 2009